Relazioni

Relatori

Ingegnere, ha partecipato in Olivetti al gruppo di progetto del primo calcolatore elettronico italiano, l’Elea 9003. Dopo una lunga esperienza con General Electric e Honeywell nel settore informatico, è stato Amministratore Delegato di Telettra, Direttore Centrale di Fiat e Direttore Generale di Olivetti. Come imprenditore ha creato Projecta per operare in settori innovativi. E’ tra i fondatori di Ubiquity, leader nel messaging su rete mobile.

Cristina Baroglio ha un dottorato in scienze cognitive ed è professore associato di informatica presso l’Università degli Studi di Torino. È membro dell’associazione italiana per l’intelligenza artificiale e direttrice della prima edizione del master biennale di secondo livello in alta formazione “Intelligenza Artificiale” (finanziato da Regione Piemonte). Si interessa di interazione nei sistemi multiagente, social commitment, accountability.

Guido Boella, Professore presso il Dipartimento di Informatica dell’Università di Torino, si occupa di Intelligenza Artificiale e Informatica giuridica. Ha creato il social network civico FirstLife e lo spinoff Nomotika. Insegna i corsi di Etica, Società e Privacy, Modellazione Processi Amministrativi e Compliance Normativa.

Silvia Rosa Brusin . Spiegare la scienza al grande pubblico, trasformare in notizia ciò che succede nei laboratori e nei centri di ricerca di tutto il mondo è da anni il lavoro e la passione di Silvia Rosa-Brusin.
Nel 1992 la Rai decise di sperimentare un nuovo tipo di informazione, creando a Torino Leonardo, il primo telegiornale della scienza in Europa.
Silvia Rosa-Brusin ha partecipato a quell’avventura giornalistica fin dall’inizio, contribuendo a creare una redazione per cui non esistevano modelli di riferimento. Ha seguito tutte le imprese spaziali di questi anni, con trasmissioni speciali e collegamenti in diretta da Cape Canaveral, da Baikounour e da Kourou, in Guyana. Per quanto riguarda astronautica e astronomia è il punto di riferimento anche per gli altri telegiornali Rai. L’Unione Astronomica Internazionale le ha dedicato un asteroide.
Silvia Rosa-Brusin è stata la prima giornalista televisiva in Italia a proporre servizi di approfondimento su temi come gli organismi geneticamente modificati e le cellule staminali.
La Commissione Europea l’ha chiamata a commentare sessioni scientifiche sui cambiamenti climatici. Nei suoi viaggi in Europa, in Russia e negli Stati Uniti ha tenuto contatti con le più importanti istituzioni scientifiche.

Luca Console, Professore Ordinario di Informatica, Direttore del Dipartimento di Informatica dell’Università di Torino nel periodo 2012-2018. Si occupa di Intelligenza Artificiale dalla seconda meta’ degli anni 80, sia a livello metodologico (con lavori su ragionamento automatico e la sua formalizzazione, rappresentazione della conoscenza) sia applicativo (sistemi di diagnostica in ambito industriale, sistemi adattivi e personalizzati, interazione intelligente con gli oggetti). Ha coordinato progetti Europei e nazionali su questi temi, è socio fondatore della Associazione Italiana di Intelligenza Artificiale e membro del Comitato di Gestione del Laboratorio Nazionale di Intelligenza Artificiale e Sistemi Intelligenti del CINI (Consorzio delle Universita’ Italiane di Informatica e Ingegneria Informatica). È autore di più di 100 pubblicazioni su temi di AI ed è stato relatore invitato a numerose conferenze, tra cui IJCAI, la Conferenza Internazionale di AI.

Cristina Bosco PhD in informatica e laurea in filosofia, ricercatrice presso il dipartimento di informatica dell’Università di Torino. Si occupa di linguistica computazionale ed in particolare di analisi morfologica e sintattica del linguaggio umano, sentiment analysis, sviluppo e testing di strumenti e risorse linguistiche per il natural language processing in prospettiva multilingue. Coordinatrice di progetti sulla rilevazione automatica dell’hate speech nei social media, socio fondatore dell’Associazione Italiana di Linguistica Computazionale.

Diego Magro è ricercatore presso il Dipartimento di Informatica dell’Università degli Studi di Torino, dove insegna in corsi di laurea e di master di primo e di secondo livello. I suoi principali interessi di ricerca si situano nell’ambito dell’Intelligenza Artificiale, delle Digital Humanities e del Web Semantico. Si è occupato, in particolare, di rappresentazione della conoscenza e di ragionamento automatico. Attualmente, è interessato alle ontologie informatiche, ai “Linked Data” e alle loro applicazioni nell’ambito degli archivi storici.

Alberto Cipriani lavora con passione, per e con i lavoratori, nell’ambito dello sviluppo dell’innovazione, del benessere organizzativo e dei risultati condivisi. Esperto di sistemi organizzativi del lavoro, per Fim-Cisl svolge attività di progettazione e realizzazione di laboratori di innovazione organizzativa. In partnership con varie aziende sviluppa pratiche creative di partecipazione dei lavoratori, soprattutto attraverso il lavoro in team. È autore di pubblicazioni sulle tematiche legate al lavoro, ai sistemi competitivi e alle relazioni industriali.

Presentano

Felice Cardone

Felice Cardone è laureato in Filosofia e ha un dottorato di ricerca in Informatica. Ha insegnato in due atenei milanesi ed è dal 2008 professore associato presso il Dipartimento di Informatica dell'Università degli Studi di Torino. È stato visiting scientist in università americane e membro del Consiglio Direttivo dell’Associazione Italiana di Logica e sue Applicazioni. I suoi interessi scientifici si concentrano sui fondamenti logici e matematici dell’informatica e, più recentemente, si sono estesi a problematiche filosofiche relative al calcolo; attualmente partecipa ad un progetto internazionale dedicato a questi temi.

Tito Giraudo

Dirigente politico e sindacale negli anni 60. Corrispondente da Torino del quotidiano L’Avanti! Lasciati il sindacato e la politica diviene imprenditore edile per l’applicazione di tecnologie innovative. Presidente del Comitato promotore è tra gli ideatori dell’importante manifestazione torinese: Berlino Kreuzberg-Torino centro storico. Lasciato il lavoro d’impresa si dedica alla cultura della progettazione ricettiva. Fonda il Centro di Ricerche Hotel proiezione 2000. Con la Confesercenti cesenate realizza il Centro servizi Innovahotel diventandone Direttore e curando in project management numerose realizzazioni alberghiere. Ha scritto due libri: “Il Nostro novecento” (Finalista del premio "Mario Pannunzio") di prossima pubblicazione e “La fabbrica di mattoni rossi”, biografia di Camillo Olivetti, 2014 Conti Editore. Scrive di politica e di storia della politica su Nel Futuro ed è componente del Comitato direttivo del Centro Pannunzio.